Radio Digitali

COM.EL Radiotelecomunicazioni propone i migliori apparati radio digitali in commercio. La tecnologia digitale DMR (Digital Mobile Radio) offre molti vantaggi operativi se raffrontata all’analogico. I sistemi digitali che proponiamo consentono le seguenti principali funzioni speciali:

  • Chiamate private e criptate (è possibile comunicare fra due radio senza che il resto del parco radio ascolti – in generale nessuna radio non facente parte del parco, benchè impostata sulla medesima frequenza, potrà ascoltare le vostre comunicazioni)
  • Gestione di gruppi separati e contemporanei di comunicazioni, che in determinate circostanze, possono intercomunicare fra loro
  • Invio fra le radio di messaggi di testo a composizione libera (SMS) o precodificati
  • Possibilità di localizzare le radio portatili in ambiente aperto (GPS) od anche indoor e di effettuare un “controllo accessi” (con fornitura ed installazione di Beacon radio nelle aree interne all’edificio) su un apposito SW di Centro
  • Gestione zone, messaggi, chiamate, registrazione comunicazioni, archivio storico, ecc. con apposito SW di Centro
  • Possibilità di interfacciare il sistema radio al mondo telefonico in modo che le radio portatili possano riceve ed effettuare chiamate da e verso telefoni cellulari e fissi
  • Possibilità di utilizzare accessori bluetooth (es. auricolari/microfoni)

Altre funzione soluzioni disponibili:

Gestione parco radio: il SW di Centro, oltre a fare funzione di radio fissa, può gestire tutte le chiamate e i gruppi di comunicazione; le può registrare, può inviare e ricevere messaggi, localizzare su cartografico tutte le radio, delimitare i confini di pertinenza radio ed attivare eventuali allarmi di “sconfinamento”; può effettuare il controllo accessi e allargare a funzionalità sviluppate in futuro.

Aumento Gruppi di Comunicazione e Link Ponti: si possono aumentare i gruppi di comunicazioni indipendenti aumentando i ponti in uno stesso sito; questa funzionalità è molto utile specie in ottica invio dati (localizzazione) e chiamate telefoniche e/o private visto che vi è la possibilità di effettuare più chiamate private o localizzazioni contemporanee senza porre problemi al gruppo di comunicazione fonia.
È altresì possibile collegare più ponti in IP in diversi siti; così facendo si crea una sorta di rete radio semisincrona che dà la possibilità agli operatori di operare su un canale unico attivando contemporaneamente più ponti ripetitori, aumentando così anche la copertura radio globale.

Allarme di richiesta soccorso: si può inviare al Centro un allarme manuale di richiesta soccorso premendo l'apposito tasto dedicato situato sulle radio portatili. Il Centro, ricevuto tale allarme, può dare le informazioni seguenti:

  • Descrizione del tipo di allarme in corso (richiesta soccorso)
  • Indicazione dell’ID della radio in allarme (numero o nome utente)
  • Visualizzazione su cartografico della posizione GPS della radio in questione (se sotto copertura GPS) od anche della zona indoor in cui si trova (con sistema di localizzazione indoor/controllo accessi)

Localizzazione GPS: sul cartografico di Centro si visualizzano le posizioni delle diverse radio; i dati di posizione sono trasmessi via radio e posso essere automatici, a tempo o anche ottenuti su richiesta del Centro.

Interfacciamento telefonico: si può interfacciare il ponte ripetitore o il SW di Centro ad un centralino telefonico (o ad un modulo telefonico GSM/GPRS/UMTS) e fare in modo che le radio possano ricevere ed effettuare chiamate telefoniche da e verso telefoni fissi e telefoni cellulari.
Le radio non sono dotate di SIM, non si devono quindi pagare canoni telefonici sulle radio portatili, che sono viste come una sorta di cordless aziendali.
La fonia telefonica lato radio viene diffusa dal ponte che la rigira nel centralino: si possono quindi effettuare e ricevere chiamate telefoniche con le radio anche in mancanza di campo telefonico, visto che il campo è fornito dal ponte ripetitore radio.
L’utente lato radio parlerà in half duplex utilizzando in PTT, l’utente lato telefono parlerà in full duplex, come in una normale conversazione fra radio.

Controllo accessi: si può aver riscontro su SW di Centro di accessi/passaggi che le radio portatili compiono in diverse zone attraverso una scheda opzionale che si può mettere all’interno delle radio e di Beacon (access point) installati nelle varie zone/accessi. I Beacon possono offrire una copertura ad ampio raggio (max 25 metri) oppure a minimo raggio (min 0,5 metri - per controllo accessi).
Una volta che una radio si avvicina ad un Beacon viene “agganciata” automaticamente e, sempre in modo automatico, invia al Centro il suo ID e il suo passaggio o posizione, il tutto senza alcuna attività da parte degli operatori (sia di Centro che di quelli forniti di portatili).

Allarme di “uomo a terra”: si può inserire all’interno delle radio portatili una scheda con sensore di inclinazione. Tale sensore può essere impostato in modo da rilevare un determinato angolo di inclinazione A (impostabile) per un tempo programmabile T. Una volta che un portatile si trova in questa condizione (AxT) emette una suono di pre-allarme per avvisare l’utente che se non si ristabilisce la normale inclinazione entro N secondi (tempo stabilito), la radio invierà quindi in modo automatico un allarme al Centro. L’allarme, ricevuto dal Centro, indicherà:

  • Il tipo di allarme in corso (uomo a terra)
  • L’ID della radio in allarme (numero o nome)
  • Visualizzerà su cartografico la posizione GPS della radio in questione
  • Se vi è il sistema di localizzazione indoor/controllo accessi, darà indicazione in quale area/settore/accesso si trova la radio in allarme

Job Ticketing: si tratta di una funzione che consente di inviare a ogni radio un elenco contenente il lavoro che deve essere effettuato; si può poi avere un riscontro quando i lavori vengono chiusi.

Azienda Comel Prodotti Radiotelecomunicazioni Parma

Operatività in Modalità Analogica

Molti apparati radio digitali possono operare anche in modalità analogica, sono in effetti apparati bimodali analogici-digitali DMR.

Quando essi vengono utilizzati in modalità analogica si comportano come una qualsiasi radio analogica ed quindi è possibile far convivere un parco misto composto da apparati radio di diverse marche e modelli.

Se invece vengono utilizzati in modalità analogica, essi operano come una qualsiasi radio analogica; tutte le funzioni precedentemente descritte sono peculiarità di un sistema utilizzato totalmente in modalità digitale.

Grazie a questa bimodalità di funzionamento (che è attiva sia sulle radio veicolari/portatili che sui ponti ripetitori) è possibile gestire una migrazione da un esistente parco radio analogico ad uno nuovo digitale DMR senza creare disservizi e garantendo una continuità di funzionamento, integrando poco per volta i nuovi apparati nel parco radio esistente e far convivere quindi due diverse tipologie di apparati.
Questo può consentire anche di spalmare l’investimento economico in un arco di tempo maggiore.

COM.EL offre varie tipologie di apparati analogici a seconda della necessità del Cliente:

  • Radio operanti su bande Civili Professionali (utilizzo vincolato dal rilascio di regolare concessione d’uso da parte del Ministero)
  • Radio per trasferimento dati/telemetrie
  • Radio ed accessori ATEX
  • Radio operanti su bande Radioamatoriali
  • Radio dPMR446 (digitali ad uso “libero”)
  • Accessori

Qui sotto trovate i principali marchi di radio analogiche da noi trattati.

Non esitate a contattarci per avere maggiori informazioni su questi prodotti.